Nel grande affare dei termovalorizzatori in Sicilia emerge anche il ruolo di una strana "scatola vuota", una società di diritto inglese. Sarebbe stata gestita da un manager svizzero e usata per fare transitare 15 milioni di euro. Si tratta, scrive il Sole-24 ore on line, di pagamenti che vengono definiti "impropri".

Nella seconda puntata dell'inchiesta sulle tangenti pagate in Sicilia per i termovalorizzatori mai realizzati (il giornale parla di 38 milioni) vengono citati alcuni nomi: Roberto Mercuri, ex braccio destro del banchiere Fabrizio Palenzona, successivamente indagato per una presunta truffa alla Ue; Antonino Craparotta, ex amministratore delegato di Enel Produzione, poi coinvolto nello scandalo delle tangenti Siemens; l'imprenditore pugliese Roberto De Santis, amico di Massimo D'Alema. De Santis era azionista insieme ad Enel di una delle società che si aggiudicarono le gare per i termovalorizzatori. (ANSA).  LEGGI L'INCHIESTA http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-01-30/sicilia-15-milioni-finirono-una-societa-inglese-che-faceva-lobbying-i-termovalorizzatori-180930.shtml?uuid=ABGMjPt